Ti è piaciuto?

Suggestioni.

Che cosa rappresenta la sessualità all’interno della coppia? Dopo quanto tempo la passione travolgente dell’innamoramento lascia il posto alla routine? Costruire e vivere un’intimità di coppia significa “appiattirsi” e rendere il sesso qualcosa di noioso? Cosa succede nella coppia di oggi quando non si prova desiderio? Si può parlare ancora di suddivisione dei ruoli nel ménage a due?

La dimensione del piacere, così apprezzata e ricercata in tanti ambiti della vita, molto spesso sembra perdere valore proprio in uno dei suoi luoghi elettivi: la camera da letto. Succede quindi che si viene a perdere la dimensione ludica – il gioco, l’improvvisazione, l’apertura alla fantasia, la ricerca di spazio per i propri desideri -, con il rischio che l’attività sessuale venga vissuta meccanicamente, o addirittura venga evitata, abbandonata.

Il fatto che culturalmente siano ancora in voga alcuni stereotipi – come quello che il maschio necessiti di una regolare attività sessuale, pena il rischio che vada a cercare soddisfacimento altrove – fa sì che ci siano ancora donne che si “prestano” ad avere rapporti pur non avendone il desiderio spontaneo, o pur non riuscendo a farsi coinvolgere abbastanza da avere voglia di provare piacere. Oppure la routine è tale per entrambi, che rimangono chiusi in se stessi e vivono un coito automatico, vuoto di significati e di affetti: una vera e propria abitudine. Oppure ancora, molte donne non hanno costruito un rapporto sufficientemente confidenziale e armonico con il proprio corpo e con le dimensioni del desiderio e del piacere per potersi permettere di comunicare all’altro di che cosa hanno realmente bisogno, e allora cercano in qualche modo di adattarsi. Ma a che prezzo?

L’esperienza ci permette di sottolineare come, all’interno della coppia, sia la dinamica relazionale tra i partner a favorire  il mantenimento di una “sana” autostima. Vero è che si tratta di base di una caratteristica individuale, ma sapere di essere amato, compreso, valorizzato dal/la compagno/a rimane una importante fonte di sicurezza. Ma il cambiamento culturale degli ultimi 50 anni, a livello di interiorità psichica non è poi rapido come sembra, e allora sempre più spesso succede che ci siano donne intraprendenti, autonome ed energiche che di fatto rischiano di intimorire gli uomini che hanno accanto, semplicemente perché li spiazzano. Per noi psicoterapeuti questa è un’evidenza che appare lampante già all’interno dei colloqui con gli adolescenti, che sono proprio nell’età in cui il rapporto tra i sessi funge da vera e propria palestra per il futuro, e contribuisce a strutturarli dal punto di vista psichico.

Non bisogna dimenticare, infine, quanto le dinamiche di coppia esterne alla sessualità influenzino l’attività sessuale stessa: la qualità del dialogo, la gestione dell’aggressività, l’equilibrio tra attivo e passivo, la facilità o difficoltà a comunicare all’altro fantasie, desideri e bisogni.

E allora l’unica cosa da fare è non trasformare la sessualità in un aspetto bidimensionale, ma ravvivarla attivamente e considerarla come parte integrante della propria vita personale e di coppia. In quanto tale si tratta di un vero e proprio processo, che necessariamente attraversa fasi alterne, e che va continuamente alimentato e negoziato.

Numero di visite :7214


Related posts

coded by nessus