“Hysteria”: la vera storia della nascita del vibratore… con qualche fronzolo!

È uscito al cinema da qualche tempo il film “Hysteria”: è la storia – vera, pur se molto romanzata – del medico inglese che ha inventato il vibratore. Joseph Mortimer Granville (1833–1900), infatti, ingegnandosi nell’ideare uno strumento per la cura dei muscoli indolenziti, ha inventato una macchina che, applicata in un contesto decisamente differente (!!!), all’epoca si mostrò a offrire sollievo a molte donne affette da isteria.

L’isteria era una categoria diagnostica molto in voga nella psichiatria a cavallo tra XXIX e XX secolo, che si manifestava principalmente attraverso tristezza, irritabilità, rabbia incontenibile o malesseri fisici – come la paralisi di un arto -. (Freud – fondatore della psicoanalisi – se ne occupò diffusamente, trattandola però dal punto di vista psicologico)

Nell’ambiente della Londra agiata e puritana dell’epoca, questi sintomi venivano spesso trattati dal punto di vista medico attraverso una vera e propria cura manuale, con la quale era il medico stesso a provocare nella donna il cosiddetto “parossismo”.. all’epoca, infatti, in ambito sanitario si riteneva che le donne fossero incapaci di provare l’orgasmo!

Così, questa macchina fu utilizzata inizialmente per ottenere il “parossismo medicalmente assistito”; progressivamente, tuttavia, questo vibratore primordiale si diffuse sempre di più per uso ludico, finché si arrivò al suo ritiro dal mercato a causa di provvedimenti perbenisti. Basti pensare che ancora oggi ci sono Paesi degli Stati Uniti d’America dove è vietata la vendita di vibratori per scopi sessuali!

Quanta strada è stata fatta e quanta è ancora da percorrere? Intanto abbiamo recuperato un pezzettino di storia singolare!

Numero di visite :17223


Related posts

coded by nessus