Benvenuti

La sessuologia è una disciplina che studia gli aspetti normali e patologici della sessualità dal punto di vista medico, psicologico e socioculturale, approfondendo funzionamento, condotte e interessi dell’essere umano in questo specifico ambito.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha definito la salute sessuale come “l’integrazione degli aspetti somatici, affettivi, intellettuali e sociali nell’essere umano, in modo da pervenire ad un arricchimento della personalità umana, della comunicazione e dell’amore”. La sessualità, fenomeno complesso che coinvolge tutta la persona, diviene dunque un indicatore della salute dell’essere umano. Continua a leggere »

Numero di visite :172108

L’eterosessualità è stata inventata? – remastered -

“Gli eterosessuali e gli omosessuali sono considerati diversi perché possono essere divisi in due gruppi sulla base della convinzione che possano essere divisi in due gruppi”.

Wendell Ricketts (1984)

 invenzione_eterosessualità

A noi può sembrare che l’eterosessualità sia sempre stata lì, ma così non è.

Basta leggere qui sotto due delle definizioni che se ne sono date a distanza di poco più di un seco

Continua a leggere »

Numero di visite :207

Vocabolario “di genere”

La differenza tra la parola giusta e la parola quasi giusta è

la differenza tra il fulmine e la lucciola

Mark Twain

L’utilizzo di un vocabolario adeguato è il primo passo per relazionarsi con una persona in modo aperto e rispettoso. Soprattutto in riferimento all’identità sessuale (ne abbiamo già parlato qui), avere chiaro il significato di alcuni termini è fondamentale: soprattutto per un professionista psicologo, ma di fatto per qualsiasi persona. Continua a leggere »

Numero di visite :126

LE identità sessuali

identità sessualiPerché parlo di identità sessuali al plurale? Perché questa declinazione rimanda alla complessità dei livelli in discussione quando affrontiamo il tema, aprendo all’osservazione di uno spettro di espressività, che non si può ridurre a quella concezione statica e monolitica che tende a sovrapporre livelli e dimensioni (ad esempio sesso biologico, identità genere, orientamento sessuale) e che considera solo categorie binarie, dicotomiche (cioè: maschio & femmina).

Continua a leggere »

Numero di visite :275

Clitoride: più lo conosci, più ti piace

Sull’esistenza del clitoride e sulle sue proprietà dibattono da millenni scienziati e filosofi. È stato considerato una vera entità sconosciuta, nonostante nel corso della storia diversi studiosi abbiano sostenuto la reale esistenza di questo organo enigmatico: cercando di sperimentare, ma spesso non sapendo nemmeno cosa andare a dimostrare. Abbiamo dovuto attendere il 1998 (grazie all’urologa Helen O’Toole) per avere una descrizione accurata dell’anatomia e della fisiologia clitoridea: piuttosto recente, no? Oggi, finalmente, molti hanno informazioni più precise, anche se per diversi si tratta di qualcosa di parecchio diverso da quello che avevano immaginato.  Continua a leggere »

Numero di visite :1402

Omofobia e pratica clinica: chi è “immune”?

Le slide di un mio intervento su “omofobia e pratica clinica”, presentate mercoledì 16 dicembre 2015 presso l’Università Bicocca di Milano, nel corso di un evento organizzato da BRain.

Gli stereotipi hanno un effetto anche sugli psicologi, che tuttavia, essendo professionisti, hanno a disposizione strumenti per riconoscerli, trattarli e farvi fronte. La deontologia è certamente lo strumento principe in questo senso.

Scarica qui le slide del mio intervento!

 

 

Numero di visite :2254

Caccia all’incontro… ma solo per accoppiamento a breve termine

Un ragazzo come tanti seduto in un locale insieme ai suoi amici: “Non mi piace l’idea di usare un’app per conoscere qualcuno”… e intanto prosegue ininterrottamente a sfogliare foto di ragazze sul suo telefono.

Evidentemente, il vecchio proverbio “Chi disprezza, compra” conteneva in sé una saggezza che lo rende oggi molto attuale quando si chiede l’opinione di chi utilizza app sul cellulare per fare nuovi incontri. Ho letto su “Internazionale” del 13 novembre che diverse persone dichiarano di chiudere circa 2 o 3 appuntamenti alla settimana, arrivando quindi a un centinaio in un anno. C’è persino chi tiene una personale classifica: accanto la nome di ogni ragazza, un punteggio in stelline. Assume i connotati di una vera e propria battuta di caccia.

Sul mercato esistono diversi tipi di app e/o siti di incontro, ciascuno con le proprie specificità, ma tutti accomunati dall’onnipotente eliminazione delle distanze, sia temporali, sia spaziali. Questo dà vita a ciò che qualcuno (sempre su Internazionale) chiama “strategie di accoppiamento a breve termine”.  Continua a leggere »

Numero di visite :3244

Pagine successive »